RA - Volley, clamoroso 'autogol' dell'Unicaja Almeria: esonerato coach Piero Molducci

April 30, 2018

 

Piero Molducci: "Nel deporte no hay gratitud hay solo resultados. Termina aqui la mia adventura en Almeria". Che, tradotto dallo spagnolo, significa "Nello sport non c'è gratitudine, ci sono solo risultati. Finisce qui la mia avventura ad Almeria". Poche le parole che coach Piero Molducci ha affidato alla sua pagina Facebook. Poche parole che fanno trasparire una certa amarezza. Col club spagnolo il tecnico di Cervia ha vinto un campionato iberico nel 2004-2005 e, dopo le avventure in Italia con Perugia e Forlì, ha fatto ritorno sulla panchina dei biancoverdi nel 2011 conquistando tre campionati (2012/13, 2014/15 e 2015/16), centrando, nel campionato 2015-2016 il triplete scudetto-Coppa del Re e Supercoppa di Spagna, impresa mai realizzata dall'Almeria. La colpa, se così si può dire, di coach Piero Molducci? Aver perso 3-0 la serie per aggiudicarsi l'ennesimo campionato. La sconfitta è arrivata contro la bestia nera dell'Almeria, ovvero il CV Teruel, club col quale i biancoverdi hanno sempre avuto a che fare quando si trattava di vincere un campionato od un trofeo. Una scelta incomprensibile, visti i risultati ottenuti da Molducci nelle sue due esperienze alla guida dell'Unicaja. 

 

Al coach classe 1955 rimane, ad Almeria, il suo ristorante, ovvero "La Cocina de Piero - Ristorante, Pizzeria e Tapas italianas". Magari tra una piadina e un bicchiere di  buon vino, si consolerà un po' per l'esonero. Anche se, come ha giustamente detto lui stesso, "nello sport non c'è gratitudine".

Infine, un simpatico ricordo dell'avventura di Molducci in Spagna: il suo ruolo di sceriffo nel video di presentazione della campagna abbonamenti del club spagnolo, che potete vedere qui. 
Gracias por todos, Piero!


Simone Feroli
foto Facebook_com/unicaja_almeriavoleibol
 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Periodico giornaliero sportivo - Autorizzazione del Tribunale di Forlì - Registrato al n° 3309 della Cancelleria

Editore e Caporedattore:

Simone Feroli
Direttore Responsabile:

Roberto Feroli